Forse … dal 1° giugno 2016 stop alle gare Fidal se sei affiliato con un EPS

Forse …. dipendera’ tutto dal rinnovo o meno delle convenzioni ….

…. dal 1° giugno 2016 stop alle gare Fidal se sei affiliato con un EPS
________________________________________
La decisione è stata presa nei giorni scorsi dal Comitato Nazionale della Fidal, nel corso del Consiglio Federale. Una notizia che scatenerà non poche polemiche. In buona sostanza a partire dalla scadenza di tutte le convenzioni con gli Enti di promozione sportiva, prevista per il 1° giugno 2016, per partecipare a gare sotto l’egida della Fidal bisognerà essere obbligatoriamente tesserati (sottolineato nel dispositivo) con la Fidal (tramite società affiliata o tramite runcard che da quest’anno ha sostituito il cartellino giornaliero, diventando annuale e offrendo altri servizi.
Da qui si evince che non ci sarà nessun rinnovo della convenzione tra Fidal e EPS, convenzione che aveva creato non pochi dubbi, perplessità ma soprattutto confusione e più di una interpretazione…
La seconda entra dentro a gamba tesa nei confronti dei comitati organizzatori (e dunque delle ASD che organizzano Circuiti e gare varie). Dal 1° gennaio 2017 le gare di mezza maratona e maratona potranno essere inserite solo nel calendario nazionale (facile prevedere un aumento dei costi per gli organizzatori). Peranto – recita il dispositivo – non potranno più essere organizzate gare provinciali/regionali che si disputano su tali distanze.

comunicato Fidal

Campionati italiani Trail ” nuova disciplina IAAF e FIDAL”

trail_cross_6

Verranno assegnati domenica 27 settembre, a Sant’Eufemia a Maiella (Pescara), i primi Campionati Italiani di Trail. Per la prima volta la corsa in ambiente naturale – new entry fra le discipline IAAF e FIDAL – si vestirà di Tricolore, mettendo in palio sia i titoli assoluti che quelli master sulla distanza dei 42 chilometri. L’appuntamento abruzzese è anche la sesta tappa del nuovo FIDAL Mountain and Trail Running Grand Prix: nato in primavera, il Gran Prix è costituito da sette prove, in diverse località italiane, che decideranno – tramite un sistema di punteggi – i migliori trail runner nazionali. Per il settimo ed ultimo appuntamento (qui sotto il calendario completo e le classifiche dopo la quinta prova) bisognerà aspettare il 6 dicembre, quando a Santa Margherita Ligure (GE) verranno assegnati i titoli di Half Trail (21km).

CHE COS’È IL TRAIL RUNNING? – La definizione parla di “corsa a piedi che si svolge senza limitazione di distanza o dislivello in ambiente naturale (montagne, deserto, bosco o foresta, pianure, etc…), minimizzando i tratti condotti su strade pavimentate o asfaltate”. Il terreno può variare dalle strade sterrate a quelle forestali, sino ai sentieri single track, ma sempre favorendo la scoperta del territorio. Niente corse in circuito dunque (con un giro da ripetere più volte) ma un itinerario quanto più possibile vario e godibile, alla scoperta di paesaggi inediti e passaggi emozionanti.

DOVE – Lo scenario per i primi Tricolori di Trail sarà il versante occidentale del massiccio della Majella, all’interno dell’alta valle dell’Orta, in Abruzzo. Il percorso ricalcherà in parte il Sentiero Dello Spirito all’interno del Parco Nazionale ed avrà partenza e arrivo nella piazza di Sant’ Eufemia a Maiella. L’altitudine della gara va dai 900 metri ai 2.061 della vetta del Monte Morrone, attraversando boschi e canyon suggestivi, luoghi ideali per l’avvistamento del Lupo Appenninico, dell’Orso Bruno Marsicano, del Cervo e del Camoscio d’Abruzzo.

CHI – Possono partecipare tutti i tesserati FIDAL, dalla categoria promesse in su (previa iscrizione). Per quanto il Grand Prix, in cima alla classifica, dopo cinque prove su sette, ci sono due nomi molto prestigiosi dell’off-road: l’iridata di corsa in montagna Alice Gaggi, e il fresco argento mondiale della specialita Bernard Dematteis. I Campionati Italiani di Trail di Sant’Eufemia a Maiella sono organizzati dalla soscietà Romatletica Footworks.

Anna Chiara Spigarolo

FIDAL MOUNTAIN AND TRAIL RUNNING GRAND PRIX

CALENDARIO

10 maggio Soave (VR) – Campionato Italiano Ultra Trail
7 giugno Ortisei (BZ) – Campionato Italiano di corsa montagna (prima prova /sola salita)
18 luglio Malonno (BS) – Campionato Italiano di Km Verticale
19 luglio Malonno (BS) – Campionato Italiano di Lunghe Distanze
2 agosto Levico Terme (TN) – Campionato italiano di corsa in montagna (seconda prova / salita e discesa)
27 settembre Sant’eufemia a Maiella (PE) – Campionato Italiano Trail (Marathon)
6 dicembre Santa Margherita Ligure (GE) – Campionato italiano Half Trail

DeGasperi_montagna

Montagna , l’Italia è campione del mondo 2015.

phpThumb_generated_thumbnailjpg

Campionati Mondiali di corsa in montagna – Betws y Coed (GBR), 19 settembre 2015

L’Italia è campione del mondo di corsa in montagna. Oggi sabato 19 settembre, a Betws Y Coed, in Galles, gli azzurri hanno vinto i Campionati Mondiali di corsa in montagna, rompendo un dominio africano che durava dal 2007. A trascinare il team italiano in cima al podio è uno straordinario Bernard Dematteis, argento individuale dopo una gara d’attacco, conclusa (in 49:42) alle spalle del solo Fred Musobo (Uganda, 49:00). Il gemello Martin è quarto, ad appena 10 secondi (50:41) dal bronzo finito al collo del britannico Robbie Simpson (50:31). Completano una grande prestazione corale, con tutti e sei gli atleti nelle prime 18 posizioni, il 7° posto di Xavier Chevrier (51:36), il 12° di Alex Baldaccini (52:09), il 16° di Luca Cagnati (52:56) e il 18° di Alessandro Rambaldini (53.12). Gli azzurri si impongono nella classifica a squadre con 25 punti, mettendosi alle spalle gli Ugandesi (38) dominatori dell’ultima edizione e i padroni di casa britannici (43).

L’EMOZIONE – “E’ un sogno che si avvera – dice Bernard Dematteis subito dopo il traguardo (QUI L’INTERVISTA), con la voce rotta dall’emozione – un sogno che inseguo da otto anni e che si è realizzato proprio oggi, in Galles. L’atletica e la corsa in montagna sono parte di me, fino dentro al midollo, mi hanno dato gioia e speranza anche nei momenti più bui”.

LA CRONACA – L’argento di Bernard Dematteis arriva alla conclusione di una gara d’attacco: partito fortissimo, come è nelle sue caratteristiche, viene affiancato e poi staccato da Musobo all’inizio del secondo giro, durante la salita. Abile nei tratti più tecnici, è bravo a difendersi in quelli più veloci e scorrevoli, fino all’ultima discesa corsa a rotta di collo (tanto che guadagna dieci secondi). Il fratello Martin viaggia pochissime posizioni più indietro, riuscendo nell’impresa di tenersi alle spalle il gruppo di aspiranti al podio. Alla fine cede solo a Robbie Simpson, costruendo le basi per il successo della squadra.

LE DONNE AI PIEDI DEL PODIO – In Snowdonia (terra di classicissime della specialità, come la Snowdon di Llamberis, e sede una settimana fa della rassegna master) l’Italia però si trova a sfiorare più volte il podio, in quella che – prima dell’apotesi finale – sembra una di quelle giornate in cui la fortuna guarda altrove. Le donne sono quarte, guidate da Alice Gaggi che si arrampica fino al quinto posto (39:13) in una gara difficilissima, vinta dalla giovane ugandese Stella Chesang (37:52) davanti alle padrone di casa Emily Collinge ed Emma Clayton. Samantha Galassi è 12esima, Ivana Iozzia 16esima. Solo cinque punti separano le azzurre (quest’anno prive di alcuni dei nomi storici della specialità) dalle ugandesi che si prendono il bronzo, dietro alle britanniche e alle statunitensi.

LE JUNIOR A PARI MERITO CON LE TURCHE DI BRONZO – Ad accarezzare quella che sarebbe stata un’impresa clamorosa sono però le ragazze under20, che tornano a casa con una medaglia di legno ancora più beffarda, perchè ottenuta con gli stessi punti (20) delle turche di bronzo. Roberta Ciappini e Giulia Zanne sono rispettivamente sesta e quattordicesima, costrette a rinunciare anche al supporto di Alessia Zecca frenata da una storta alla caviglia rimediata durante la gara. Vincono le ceche davanti alle britanniche.

MAGNINI E GLI JUNIORES QUARTI – Quarto posto anche per gli juniores, con Davide Magnini a un passo dalla medaglia: anche lui, come Martin Dematteis, arriva a dieci secondi esatti (36:03) dal terzo posto che va al turco Goksel Mustafa (35:53). Vince l’altro turco Ferhat davanti allo statunitense Thomet Levi. Turchia, USA e Gran Bretagna sul podio a squadre.

Anna Chiara Spigarolo

Seniores Uomini

  • Alex BALDACCINI G.S. Orobie
  • Luca CAGNATI Atl. Valli Bergamasche Leffe
  • Xavier CHEVRIER Atl. Valli Bergamasche Leffe
  • Bernard DEMATTEIS Corrintime
  • Martin DEMATTEIS Corrintime
  • Alessandro RAMBALDINI Atl. Valli Bergamasche Leffe

Juniores Uomini

  • Luca CANTONI U.S. Bormiese Atl.
  • Davide MAGNINI Atl. Valli Di Non E Sole
  • Alberto VENDER S.A. Valchiese
  • Luca VENTURA Atletica Trento

Seniores Donne

  • Sara BOTTARELLI Free-Zone
  • Alice GAGGI Runner Team 99 Sbv
  • Samantha GALASSI La Recastello Radici Group
  • Ivana IOZZIA Calcestruzzi Corradini Excels.

Juniores Donne

  • Roberta CIAPPINI G.S. C.S.I. Morbegno
  • Giulia ZANNE Atl. Brescia 1950
  • Alessia ZECCA G.S. Valgerola Ciapparelli

azzurri_montagna_betws2015

La Corsa in Montagna dal 27 luglio al 2 agosto su Sky Sport

Sky Sport: l’occhio di Icarus sui gemelli Dematteis

25 luglio 2015 – Il raduno azzurro al Colle del Sestriere e i gemelli Dematteis. Un luogo, due anime, la sua bellezza, la loro passione. Le emozioni del “mountain running” declinato in chiave italiana: continua il racconto di Sky Sport nel mondo della corsa in montagna e del trail. L’occhio di Icarus lascia per un attimo le dinamiche agonistiche del “Fidal Mountain and Trail Running Grand Prix” e sale in Alta Valle di Susa per scoprire come si preparano i nostri azzurri in vista dei grandi appuntamenti internazionali e carpire qualche segreto tecnico da Martin e Bernard.

Da lunedì 27 luglio a domenica 2 agosto, qui di seguito, tutti i dettagli dei passaggi dello speciale a loro dedicato su Sky Sport 2 e Sky Sport 3.

I gemelli Dematteis

gemelli1

Nel 26° episodio di ICARUS 2.0:

#LATERRADELDUCA Dopo la partenza da Senigallia scopriamo Pesaro e Urbino assieme ai nostri 4 biker in viaggio nella Terra del Duca

RECORD IN CIELO – Allo skydive di Fano il record femminile italiano di grande formazione è ufficialmente conseguito. Conosciamo da vicino le 29 protagoniste

MOUNTAIN E TRAIL RUNNING – Sestriere ospita il raduno in quota della Fidal. I gemelli Dematteis ci accolgono in questa location alpina per raccontarci il lavoro dei runner specialisti della corsa in montagna

In questo episodio di Icarus 2.0 continua il diario di Valentina alla SEAT Leon Cup Racer, torniamo a parlare di Run Card, la prima community Fidal dedicata agli appassionati di running, scopriamo la seconda novità della Salomon CITYTRAIL Milano del prossimo 20 settembre, Fred Morini comincia la sua avventura Ride Across Europe da Milano a Stoccolma, e la nostra Energica Ego raggiunge Modena per incontrare lo slalomista Giuliano Razzoli

Berni 1

berni11
PROGRAMMAZIONE:

Sky Sport 2

Lunedì 27 ore 18.30
Lunedì 27 ore 00.00
Martedì 28 ore 06.00
Martedì 28 ore 12.30
Martedì 28 ore 00.30
Mercoledì 29 ore 10.00
Giovedì 30 ore 12.00
Venerdì 31 ore 09.30
Domenica 02 ore 06.00
Domenica 02 ore 19.00

Sky Sport 3

Mercoledì 29 ore 09.30
Mercoledì 29 ore 19.30
Giovedì 30 ore 09.00
Domenica 02 ore 17.30

Ulteriori informazioni su www.sky.it o www.icarusnews.it

fonte : www.corsainmontagna.it